Onicomicosi

L’onicomicosi sono delle infezioni alle unghie delle mani o dei piedi, causate da funghi conosciuti anche come dermatofiti. L’infezione inizia di solito a svilupparsi lungo il bordo libero dell’unghia, che assume un colore giallo-bianchiccio, marrone o verde.

La micosi si diffonde poi all’interno o sotto la lamina ungueale, causandone l’ispessimento. L’unghia diventa fragile e può separarsi parzialmente o totalmente dal letto ungueale, causando dolori anche forti. In alcuni casi, l’infezione può causare la perdita permanente dell’unghia.

I dermatofiti (funghi) di solito si trovano in ambienti caldi e umidi, come bagni, spogliatoi e docce comuni di centri benessere, palestre, piscine, bagni turchi, ecc.

Sono queste le aree in cui più spesso si contraggono le infezioni fungine. Il piede d’atleta, un altro tipo di infezione fungina che colpisce la pelle negli spazi interdigitali, è molto contagiosa e può diffondersi anche a una o più unghie.

Le onicomicosi, oltre ad avere un aspetto sgradevole, possono essere contagiose, trasmettendosi non solo da un’unghia all’altra, ma anche fra le persone. È pertanto essenziale trattarle non appena si manifestano i sintomi e la patologia viene diagnosticata.

Le onicomicosi non scompaiono da sole!

Se non trattate, si aggravano progressivamente e nei casi più sfavorevoli, l’infezione può causare la perdita completa dell’unghia.

Sintomi

Sintomi dell’onicomicosi


 


Se osservate la presenza di puntini o chiazze bianche sulle unghie, o se l’unghia sta diventando gialla, più spessa o fragile, è probabile che abbiate una onicomicosi, consultate il vostro medico.


 


L’onicomicosi è una patologia progressiva: se non viene trattata, l’infezione si diffonde.


 


Inizialmente, si possono notare solamente puntini o chiazze bianche sull’unghia che ne danneggiano soltanto l’aspetto estetico, senza provocare dolore. Gradualmente però, il fungo si diffonde in tutta l’unghia. Se non viene trattata, la patologia può diventare (molto) dolorosa e comportare il rischio di perdita permanente dell’unghia.


 


Contagio: i dermatofiti (funghi) proliferano negli ambienti caldi e umidi e possono diffondersi da un’unghia all’altra dei piedi o delle mani e trasmettersi da una persona all’altra.


 


Gli ambienti ad alto rischio di contagio comprendono: docce, spogliatoi, scarpe da ginnastica e calzature sportive in genere, calzini, bagni turchi, ecc.


Prevalenza

L’onicomicosi colpisce un’alta percentuale della popolazione.


 


L’incidenza aumenta con l’età: l’onicomicosi è infatti rara nei bambini, ma diventa significativamente più frequente nelle persone di età compresa tra 35 e 59 anni ed è assai diffusa tra gli ultrasessantenni.


 


È una condizione che colpisce ugualmente uomini e donne.


 


Nella maggioranza dei casi, l’onicomicosi si presenta nelle unghie dei piedi, soprattutto nell’alluce, mentre è molto meno comune nelle unghie delle mani.


 


È una delle forme più diffuse di infezione ungueale.


 


L’ambiente caldo e umido all’interno delle scarpe offre le condizioni ideali per la proliferazione dei funghi responsabili dell’onicomicosi.


 


Molto persone ne soffrono in Italia e la maggior parte non lo sa.


Cause

I microrganismi che causano l’onicomicosi, di solito dermatofiti, penetrano nelle microfessure della lamina ungueale oppure entrano attraverso il tessuto molle che circonda i margini ungueali.


 


Unghie forti e sane proteggono le punte delle dita dall’infezione.


 


ma se le unghie sono incrinate, naturalmente fragili o indebolite a causa di una lesione o di un trauma, è più facile che vengano infettate dai dermatofiti.


 


I dermatofiti proliferano in ambienti caldi e umidi, come bagni, spogliatoi, piscine, scarpe da ginnastica e calzature sportive, ecc., ambienti che pertanto comportano un rischio relativamente elevato di contagio.


Prevenzione

Consigli per prevenire l’onicomicosi:



  • Cambiarsi i calzini quotidianamente e lavarli a temperature superiori a 60°.

  • Lavare o pulire regolarmente le scarpe. Scegliere scarpe che lasciano traspirare il piede ed evitare calzature che lo fanno sudare.

  • Dopo averli lavati e risciacquati accuratamente, asciugare perfettamente i piedi, un dito alla volta.

  • Indossare ciabatte o altre calzature idonee negli spogliatoi e nelle docce comuni, ad esempio in centri benessere o piscine.